31. gennaio 2019

Sportech2019: oltre le aspettative!

Laura Banfi - Formazione tecnica

Ottima la partecipazione delle scuole a Sportech2019: 155 le classi iscritte per un totale di 3’200 allievi provenienti anche dalla Svizzera tedesca, romanda e dalla vicina Italia.

I docenti con i loro allievi hanno aderito numerosi alla manifestazione e passeggiando tra gli stand si percepiva l’interesse, la curiosità e il divertimento. La formula di proporre moduli interattivi e coinvolgenti corrisponde ai bisogni della scuola d’oggi. Le tematiche presentate all’interno dei moduli si prestano per degli approfondimenti in classe e permettono così di completare il programma scolastico. Tutto questo ha contribuito a far sì che la settima edizione abbia raccolto un successo oltre le aspettative degli organizzatori e un buon riscontro mediatico con servizi televisivi della RSI e di Teleticino e articoli sul CdT e su La Regione.

Allievi molto interessati alla presentazione del modulo proposto da Cybathlon del ETH di Zurigo.

Nicolò Casolini mostra ai ragazzi cosa sta dietro a una telecronaca di una partita di calcio.

Grande successo di pubblico anche alle conferenze dello specialista di video analisi Adriano Bacconi accompagnato dal campione del mondo 2006 Gianluca Zambrotta e del famoso alpinista Hervé Barmasse. Quest’ultima ha attirato oltre 430 spettatori presso il centro sportivo. Per accontentare tutti si è dovuto ricorrere alla proiezione della conferenza in una sala contigua. L’apertura serale di mercoledì ha visto una partecipazione ancora un po’ timida ma con qualche correttivo in futuro si spera di migliorare anche su questo fronte.

Per programmare i Thymios ci vuole tanta concentrazione.

Durante l’apertura ufficiale alla presenza di autorità, partner e sponsor, Bixio Caprara, Direttore del Centro nazionale della gioventù di Tenero (CST), ha evidenziato come quest’anno la collaborazione con la Scuola universitaria professionale SUPSI abbia fatto crescere ulteriormente la manifestazione. Nel suo discorso ha ringraziato anche il professor Giovanni Zamboni, esperto SATW, che fin dalla prima edizione, nel 2007, con entusiasmo ha creduto in questo progetto e si è sempre adoperato affinché Sportech potesse diventare una manifestazione di riferimento per le scuole. Inoltre rivolgendosi a Willy Gehrer, presidente di SATW, ha sottolineato l’importanza del partenariato con l’Accademia che possiede una grande esperienza in materia di promozione della tecnica presso i giovani. In futuro, si augura il direttore Caprara, il ruolo di SATW potrà essere determinate per permettere alla manifestazione, ad oggi molto apprezzata regionalmente, di affermarsi anche a livello nazionale.

Grande presenza di SATW sul posto: Presidente Willy Gehrer con Franco Gervasoni, Giovanni Zamboni e Laura Banfi.

Dal canto suo Franco Gervasoni, Direttore generale SUPSI e nuovo membro di SATW, ha spiegato come già da anni Università si impegna su più fronti nella promozione dei settori MINT e offre diverse di attività ed eventi adatti a tutti i livelli della scuola dell’obbligo. Quest’anno oltre ad affiancare il CST nell’organizzazione, SUPSI era presente a Sportech con una varietà di moduli che coniugano la tecnologia al servizio dello sport e che hanno visto la collaborazione di diversi Dipartimenti: DFA, DTI e DEASS. Anche Willy Gehrer ha preso la parola prima del momento conviviale confermando che l’Accademia condivide appieno degli obiettivi della manifestazione e si è complimentato con gli organizzatori per il successo di questa settima edizione.

Informazioni:
Laura Banfi, responsabile Svizzera italiana, laura.banfi(at)satw.ch

New comment

0 comments